siete in mani sicure

proloterapia

Un'articolazione è forte solo quanto il suo legamento più debole

 

 

Non mi fido del mio corpo

Il trattamento di proloterapia viene utilizzato per stabilizzare qualsiasi articolazione del corpo, migliorando la mobilità e ripristinando il movimento naturale del paziente.

Il miracolo dei tre minuti

Con oltre 10.000 iniezioni e 25 anni di esperienza alle spalle, siamo certi che nel giro di tre minuti il dolore riferito nel 98% dei pazienti scomparirà.

Niente sostanze chimiche - solo zucchero!

Utilizzando ingredienti naturali, incoraggiamo l'organismo a riparare il legamento danneggiato, a ripristinare l'instabilità e a consentire al paziente di tornare alle normali funzioni senza dolore.

Diagnostichiamo ciò che la maggior parte dei medici non cura, Perché ci preoccupiamo

La proloterapia (terapia proliferativa), nota anche come ricostruzione non chirurgica dei legamenti e dei tendini e iniezione rigenerativa delle articolazioni, è una procedura ortopedica riconosciuta che stimola i processi di guarigione dell'organismo per rafforzare e riparare le articolazioni e il tessuto connettivo feriti e dolorosi. Si basa sul fatto che quando i legamenti o i tendini (tessuto connettivo) si allungano o si strappano, l'articolazione che li sostiene si destabilizza e può diventare dolorosa. La proloterapia, grazie alla sua capacità unica di affrontare direttamente la causa dell'instabilità, può riparare i siti indeboliti e produrre nuovo tessuto collagene, con conseguente stabilizzazione permanente dell'articolazione. Una volta stabilizzata l'articolazione, il dolore di solito si risolve. Gli approcci tradizionali con la chirurgia presentano maggiori rischi e possono non riuscire a stabilizzare l'articolazione e ad alleviare il dolore, mentre gli antinfiammatori o altri antidolorifici agiscono solo temporaneamente. Il termine originale usato per questa terapia era "scleroterapia", coniato negli anni '30 quando fu scoperto questo trattamento, e comprendeva sia le iniezioni alle articolazioni che alle vene. Oggi il termine "proloterapia" è usato per le iniezioni alle articolazioni, ai legamenti e ai tendini, mentre "scleroterapia" è usato per il trattamento di vene varicose, vene a ragno, emorroidi e altre anomalie vascolari.

Siete candidati a un trattamento di proloterapia per la bassa schiena?

 

Segni

 

  • Gamba fisiologicamente corta da un lato.
  • Spasmo muscolare nella natica di un lato.
  • Spasmo muscolare che va dalla parte bassa della schiena alla base del cranio su un lato.
  • Scoliosi funzionale nella parte bassa della schiena.
  • Risposta di "tic" quando si preme il legamento dell'articolazione sacroiliaca danneggiato.

 

Sintomi

 

  • Scatto, schiocco, stridore con il movimento.
  • Mi sembra che la schiena stia per cedere.
  • Difficoltà a stare seduti senza appoggio.
  • Frequenti episodi di spasmi e/o tensione muscolare.
  • Dolore maggiore al ritorno in posizione eretta dalla flessione.
  • Dolore da aggancio o blocco durante i movimenti del tronco.
  • Incapacità di "tenere" un aggiustamento spinale
    Necessità di scrocchiare o schioccare frequentemente la schiena per ridurre i sintomi.
  • Sollievo temporaneo con tutore per la schiena, corsetto, massaggio, aggiustamenti.

il carosello delle condizioni

FAQ

Domande frequenti

Quali condizioni possono essere trattate con la proloterapia?

Scenari di infortunio... sport, lavoro, attività ricreative, usura, incidenti e qualsiasi altra situazione in cui vengono applicate forze anomale al corpo con conseguente dolore. Praticamente tutte queste situazioni comportano danni sintomatici e guaribili al tessuto connettivo, che possono includere danni a meniche, labrum, tendini (come i tendini della cuffia dei rotatori e molti altri), legamenti (come il legamento crociato anteriore, sacroiliaco e molti altri), fascia e periostio (come le "stecche"). Quasi tutte le disfunzioni muscolari in corso dopo più di sei settimane dall'infortunio iniziale, anche se percepite "nel muscolo" e solitamente associate a tensione muscolare o spasmo, sono in realtà dovute a danni ai tendini o ai legamenti vicini. Molte lesioni sportive per le quali si consiglia la chirurgia artroscopica, la chirurgia del gomito e della caviglia possono essere trattate con successo senza intervento chirurgico.

Le anomalie scheletriche che sottopongono a ulteriori "stress" determinate strutture del tessuto connettivo (scoliosi, malformazioni della cavità dell'anca, ecc.) producono sintomi che quasi sempre derivano da strutture del tessuto connettivo che non "si vedono" nella diagnostica per immagini. Questa causa di dolore viene comunemente trascurata durante le valutazioni "standard".

Le condizioni "degenerative" che coinvolgono dischi, cartilagini e strutture ossee implicano quasi sempre un danno ai legamenti e un "allentamento" come causa del danno/della "degenerazione" delle strutture. Questo danno ai legamenti è generalmente la causa di TUTTI i sintomi che di solito vengono "diagnosticati" come dovuti alla "degenerazione". Ciò include la condizione che viene generalmente chiamata "osteoartrite" e comprende situazioni definite "osso su osso" sulla base di studi di imaging. In quasi tutte queste situazioni, le strutture del tessuto connettivo sono l'origine del dolore e la guarigione di questo danno porta a risultati eccellenti a lungo termine.

Qualsiasi condizione con un "itis" come ultime quattro lettere. Tendinite, borsite, costocondrite, epicondilite, osteoartrite, fascite plantare, tenosinovite. Quasi tutte le condizioni per le quali si prova un sollievo transitorio dai sintomi con un farmaco antinfiammatorio o un corticosteroide possono essere risolte a lungo termine con il trattamento di proloterapia. Praticamente qualsiasi condizione associata a un malfunzionamento muscolare continuo o intermittente - spasmi, "trigger point" e tensione, oppure debolezza, perdita di ampiezza di movimento e dolore con l'attività - è causata da un danno nervoso a piccole fibre indotto dallo stiramento in una o più strutture del tessuto connettivo. Se non riuscite a "rimanere in assestamento" dopo le cure chiropratiche, è molto probabile che ciò sia dovuto a un danno al tessuto connettivo guaribile. Praticamente qualsiasi condizione dolorosa che potrebbe essere trattata con la somministrazione di steroidi epidurali, l'ablazione del nervo con radiofrequenza o la terapia fisica può essere trattata anche con la proloterapia, con un tasso di successo a lungo termine molto elevato.

Il "dolore cronico non diagnosticato" è spesso causato dal meccanismo di danno al tessuto connettivo descritto in precedenza (leggi Danno al tessuto connettivo e dolore). È facile e poco costoso determinare se un danno al tessuto connettivo non guarito stia giocando o meno un ruolo nei sintomi di un paziente.

Il dolore post-operatorio deriva comunemente dal tessuto connettivo e questo fenomeno non viene solitamente diagnosticato dai chirurghi o da altri professionisti. Questo dolore viene comunemente "diagnosticato" come dovuto a "tessuto cicatriziale", "un nervo pizzicato a un altro livello", "un altro disco sintomatico", ecc. Vale certamente la pena di escludere un danno al tessuto connettivo non guarito come causa di questo dolore prima di procedere a qualsiasi altro intervento.

Quasi tutti i dolori di collo, schiena e articolazioni legati al lavoro e ai traumi sono causati da danni al tessuto connettivo guaribili.

Quasi tutti i dolori alla schiena e al coccige "post-partum" e le disfunzioni e i dolori del pavimento pelvico derivano da strutture di tessuto connettivo che rispondono alla proloterapia con un'alta percentuale di successo.

Molte cefalee, di tipo emicranico o di altro tipo, possono essere migliorate o curate con la proloterapia, soprattutto in presenza di una storia di traumi al collo o di sintomi cervicali in corso.

Questo elenco è solo parziale, ma vi darà un'idea dei molti "volti" del danno al tessuto connettivo non guarito e della versatilità di questo trattamento nell'affrontare le molte possibili presentazioni di questa patologia.

Cosa aspettarsi dopo il primo trattamento?

Dopo un trattamento di proloterapia, le persone sperimentano un'ampia varietà di cambiamenti dei sintomi e di disagi dovuti al proprio sistema di guarigione. La sensazione di dolore e di pienezza dovuta alle iniezioni sparisce in pochi minuti. Alcune persone si sentono "meglio" nei giorni successivi al trattamento. La maggior parte avverte la solita gamma di sintomi.

Quando miglioreranno i sintomi dopo il primo trattamento?

Ciò che tutti vogliono vedere, ovviamente, è un "miglioramento" dei sintomi, qualcosa che cambia "al di fuori" dei sintomi abituali. Oltre a sentire "meno dolore" o essere "più attivi prima che il dolore inizi", questo può significare "dormire meglio", una migliore gamma di movimenti, più forza o stabilità, meno sintomi riferiti o mal di testa... in pratica, qualsiasi cambiamento che si noti durante il mese successivo al primo trattamento è importante da portare alla nostra attenzione. La maggior parte del nuovo collagene si forma durante le seconde due settimane dopo il trattamento, quindi spesso è in questo periodo che si notano i miglioramenti. Non è raro sentire persone che riferiscono di sentirsi meglio durante i primi dieci giorni, per poi vedere i loro "soliti" sintomi ripresentarsi durante la quarta settimana, poco prima di rivederci. Questo schema significa anche che il sistema di guarigione si sta "attivando".

Cosa succede se i miei "sintomi peggiori" si ripresentano durante il trattamento?

Una delle cose più importanti che ho imparato trattando le migliaia di pazienti che abbiamo visto è che se riusciamo a migliorare sensibilmente i sintomi in qualsiasi momento, stiamo innescando la guarigione. Se stiamo innescando la guarigione, le fluttuazioni dei sintomi nel corso del trattamento NON significano che il paziente sta "tornando indietro" o che il trattamento ha "smesso di funzionare". Al contrario, la forza di trazione di queste strutture aumenterà fino al punto in cui lo "stiramento" cesserà, il danno ai nervi guarirà, la tenerezza si risolverà e tutti gli altri sintomi si risolveranno. Tuttavia, fino a quando la guarigione non è COMPLETATA, i sintomi possono variare notevolmente e le "impennate" possono essere "le più gravi che il paziente abbia mai avuto". Immaginate una struttura di tessuto connettivo individuale "non portante" come un cavo che si "allunga" sotto carico. Il sistema di guarigione ricostruisce progressivamente i fili nel cavo. Tuttavia, finché il cavo è in grado di allungarsi sotto carico, fino a quando il lavoro di rafforzamento non è completamente completato, lo "stiramento" rimanente è in grado di strattonare le fibre nervose danneggiate o di danneggiarne di nuove, causando sintomi altrettanto gravi di quelli che il paziente ha "mai sentito". Questo è fastidioso per il paziente, ma non significa che il trattamento "non funziona" e che "non risolverà il problema": significa semplicemente che il paziente ha attivato lo "strain gauge" in alcune strutture, le ha caricate fino ad allungarle, ha aggravato alcuni nervi e ne ha pagato il prezzo... proprio come stava facendo prima dell'inizio del trattamento.

Cosa non si può trattare con la proloterapia?
  1. Disturbi infiammatori veri e propri, come l'artrite reumatoide e altre "malattie collageno-vascolari".
  2. Danni ai nervi/lesioni: ictus, fibre nervose recise o danneggiate in seguito a incidenti o interventi chirurgici, oppure una vera e propria neuropatia. Alcuni intorpidimenti e formicolii alle mani e ai piedi vengono erroneamente diagnosticati come "neuropatia", mentre in realtà derivano da un danno nervoso indotto dallo stiramento di legamenti e tendini. La natura e la distribuzione di questi "sintomi riferiti" sono facili da distinguere da una vera e propria "neuropatia" in ufficio.
  3. La vera "sciatica", che è piuttosto rara e che generalmente costringe le persone a letto e ad assumere narcotici. La natura e il modello di distribuzione di questi sintomi possono facilmente distinguere la "vera" sciatica dai sintomi riferiti al danno del tessuto connettivo.
  4. Stenosi spinale vera e propria. La stenosi spinale vera e propria causa problemi a trattenere l'urina o le feci e provoca intorpidimento con una distribuzione "a calza" o "a collant" negli arti inferiori (l'intero piede o l'intera gamba, invece di una parte della gamba e del piede, per esempio), debolezza che causa problemi a camminare senza cadere e atrofia muscolare. Se il problema è semplicemente il dolore alla schiena e sintomi sparsi lungo la gamba o le gambe, allora potrebbe esserci un problema di tessuto connettivo che causa TUTTI questi sintomi.
  5. Danno articolare così grave che non solo la cartilagine, ma anche le ossa della superficie articolare sono gravemente danneggiate. Questa è un'indicazione per una sostituzione dell'articolazione.
Quanto è doloroso il trattamento?

Il trattamento fa male? Sì. Ma anche il problema che vi porta da noi fa male, spesso molto. Quindi la maggior parte delle persone che si rivolgono a noi "gestiscono" già un certo dolore e il trattamento non è poi così "peggiore". Lavoriamo molto duramente per ridurre al minimo il disagio e per rendere il paziente il più confortevole e rilassato possibile durante il processo. Inoltre, osserviamo un fenomeno interessante in molte persone: quando iniettiamo i "punti" da cui proviene effettivamente il dolore (che spesso sono diversi da quelli che sono stati "detti" essere la fonte dei loro sintomi - il "punto" è in realtà nel legamento sacroiliaco invece che nel disco lombare "diagnosticato", per esempio), le persone dicono: "Eccolo, questo è IL punto... nessuno l'ha mai trovato prima!". Sebbene il trattamento sia scomodo, è confortante sapere che possiamo effettivamente trovare le strutture che causano il dolore... e in generale risolvere il dolore.

Sebbene il mio primo trattamento di proloterapia sia stato, per motivi che possiamo discutere di persona, più scomodo della maggior parte dei trattamenti che offro, è stato comunque "confortante" per me sentire che il medico ha "centrato i punti" da cui proveniva il mio dolore, dopo averli individuati con un esame. Questo mi ha dato grande fiducia nel fatto che fosse sulla "strada giusta" con il suo trattamento. Le persone che sono state trattate da altri proloterapisti in genere dicono che il nostro processo di trattamento è "più confortevole" rispetto alla loro precedente esperienza, oltre ad essere più approfondito. Mia moglie ed io abbiamo avuto numerose strutture trattate con la proloterapia negli ultimi dieci anni. Abbiamo una vita molto attiva e stiamo accumulando compleanni a un ritmo allarmante.... Durante i trattamenti abbiamo prestato molta attenzione ad adattare le nostre tecniche per ridurre al minimo il disagio. Potrete beneficiare della nostra vasta esperienza "dall'altra parte dell'ago".

Come si svolge un ciclo di trattamento di proloterapia?

L'obiettivo del trattamento è che il paziente possa tornare alla piena attività, svolgendo le attività che desidera, senza sintomi. Se riusciamo a innescare il sistema di guarigione (cosa che in definitiva riusciamo a fare in circa il 95% delle persone) e supponendo che non ci siano altre fonti di sintomi importanti (cosa che, anche nella nostra popolazione di pazienti molto ampia e variegata, è molto rara), allora possiamo generalmente raggiungere questo obiettivo. Il punto di arrivo del trattamento per una determinata struttura è che questa diventi "portante", ovvero cessi di allungarsi in modo anomalo sotto i carichi tipici del corpo. Pertanto, le fibre nervose che erano state cronicamente danneggiate guariscono e cessano di produrre tenerezza o sintomi. Di solito in un determinato paziente vengono trattate molte strutture. Alcune di queste strutture terminano la guarigione prima di altre, quindi verso la fine del ciclo di trattamento non è raro che le dimensioni del trattamento si contraggano un po'. Come facciamo a sapere cosa trattare e cosa non trattare in una determinata visita? Trattiamo solo le strutture tenere. Quelle che sono diventate non tenere possono essere lasciate in pace. Continuiamo semplicemente fino a quando non abbiamo finito, senza rispettare alcun "programma" arbitrario o aspettativa del paziente. I sistemi di guarigione producono quantità di collagene molto variabili con la stimolazione: alcune grandi quantità portano a risposte rapide, altre più piccole, che portano a progressi che possono essere "moderati", "lenti" o "molto lenti". Se il ritmo di guarigione non è ottimale, di solito esploriamo le opzioni per stimolare il sistema in modo più intenso e forse esaminiamo più attentamente il sistema di guarigione in sé.

Seguiamo i progressi con diverse domande sul modulo di follow-up del paziente e con un diagramma di follow-up del dolore e dei sintomi. Queste domande sono estremamente utili per la cura del paziente e per prendere decisioni che ci permettano di fornire la migliore assistenza possibile. Le saremmo grati se prendesse sul serio queste domande e rispondesse nel modo migliore possibile. I sintomi sono fluttuanti, lo capiamo... ma le sue risposte "approssimative" sono sorprendentemente utili per noi. La domanda fondamentale a ogni visita è: "Ancora lo stesso" o "Cambiare rotta in qualche modo".

L'aspetto che più sconcerta i pazienti durante il trattamento è l'occasionale giornata o settimana "negativa" che si verifica proprio quando il paziente "pensava di stare meglio". Passiamo MOLTO tempo a discutere se il trattamento sta "funzionando" o meno alla luce di queste variazioni dei sintomi. Il problema non è che non conosciamo la risposta a questa domanda... il problema è che ciò che il paziente "sente" non corrisponde a ciò che "si aspetta" di sentire se il trattamento sta "funzionando". Se una persona comprende il concetto di strutture "portanti" e "non portanti" e si rende conto che, in qualsiasi momento, se a una qualsiasi di queste strutture viene applicata una forza tale da far "scattare l'estensimetro" (allungare la struttura fino al punto in cui le fibre nervose danneggiate vengono strappate o ulteriormente danneggiate), allora i sintomi POTREBBERO essere i più "cattivi" che abbiano mai provato, anche se sono molto vicini alla completa guarigione. Se i pazienti "recepiscono" questo concetto e capiscono che questo è normale e, francamente, atteso, dato che i pazienti diventano più attivi quando si sentono "meglio", si può evitare molta ansia. Tra qualche paragrafo seguirà una discussione più dettagliata sui sintomi durante il trattamento.

Alcune persone hanno una vasta gamma di strutture dolorose e sintomatiche. Uno dei motivi per cui persone provenienti da tutto il paese ci cercano è che otteniamo risultati eccellenti con i problemi più "grandi". I nostri trattamenti sono più precisi e possono quindi coprire più aree geografiche (non trattiamo strutture che NON hanno bisogno di essere trattate, a differenza dell'approccio "a modello" di molti professionisti, che trattano la stessa serie di strutture in ogni schiena, collo, spalla, ecc. Se avete questo tipo di problema, la discussione sulla strategia terapeutica complessiva sarà piuttosto dettagliata e terrà conto di questioni fisiche, logistiche e finanziarie.

Sia che si tratti di trattare metà del corpo, sia che si tratti di un dolore continuo in una singola struttura, possiamo dare ai pazienti un'idea generale della durata del processo, soprattutto dopo aver visto la "traiettoria" della guarigione dopo alcuni trattamenti. Ma il ritmo di guarigione e l'entità della lesione sono unici per ogni paziente, e questo processo richiede semplicemente che i nostri pazienti abbiano pazienza.

Quali attività favoriscono la guarigione dopo la proloterapia?

Vogliamo che utilizziate le strutture trattate, anziché tenerle immobili e "fuori" durante il trattamento. Tutto ciò che aumenta il flusso sanguigno e l'attività favorisce, in generale, la guarigione. Ciò include attività fisica moderata, massaggi, riscaldamento dell'area con qualsiasi forma di calore, compresi i trattamenti a infrarossi e i trattamenti con "laser a freddo", e può includere alcuni trattamenti chiropratici (facendo attenzione a evitare manipolazioni ad "alta velocità"!). La terapia fisica può essere un'aggiunta utile, tenendo presente che la premessa della terapia fisica NON riconosce la realtà del tessuto connettivo vulnerabile e del danno al tessuto connettivo. Si concentra invece sui muscoli e sulla funzione muscolare. Cercano di "farvi uscire" dal problema migliorando la forza muscolare, l'equilibrio e la flessibilità. Se la terapia fisica vi fa sentire meglio, va bene. Se si "entra e si esce strisciando", se il "trattamento" provoca un aumento del dolore, allora sarebbe ragionevole evitarlo. Questi "dolori maggiori" non sembrano portare a una "guarigione maggiore" nella nostra popolazione di pazienti.

Stranamente, però, non mi dispiace se si è un po' "troppo attivi" e si peggiorano i sintomi. Questo non significa quasi mai che si è "arretrati" nel percorso terapeutico. Questo ci dice solo che "non siamo ancora arrivati". L'obiettivo del trattamento è che siate liberi dal dolore AL VOSTRO LIVELLO DI ATTIVITÀ DESIDERATO, non che siate liberi dal dolore seduti sul divano a guardare il Dr. Oz. L'unico modo per sapere se le vostre strutture sono abbastanza forti da gestire la vostra vita è usarle. Possiamo continuare a "ingrandire" queste strutture per gestire qualsiasi carico, dall'ultimate frisbee al lancio nella MLB, dal jogging alla corsa a livello olimpico, dal lavoro in garage al ruolo di linebacker nella NFL. Quindi, vogliamo che aumentiate gradualmente il vostro livello di attività man mano che vi sentite "meglio" durante il trattamento, basta che usiate un po' di buon senso alla luce di ciò che accade nelle nostre strutture. Anche in questo caso, la comprensione del meccanismo effettivo del processo che causa il dolore e del modo in cui il trattamento "funziona" ci aiuta a elaborare la strategia migliore, pur mantenendo la tranquillità. L'obiettivo del trattamento è che, con il livello di attività desiderato, le strutture siano libere da dolori e sintomi. Ciò significa che il contenuto di collagene delle singole strutture è ora adeguato a "reggere" qualsiasi carico applicato alla struttura senza alcuno "stiramento" anomalo che danneggerebbe l'apparato nervoso intrinseco. In parole povere, la guarigione è ormai completa.

Sto sviluppando un'infezione o un'altra complicazione?

Le complicazioni a seguito di un trattamento di proloterapia sono, fortunatamente, estremamente rare. Tuttavia, qualsiasi intervento medico può causare complicazioni. I problemi che potrebbero verificarsi nell'area trattata sono stati discussi durante la visita iniziale e resi disponibili per iscritto. Anche se questi eventi sono estremamente rari, è importante identificare qualsiasi potenziale problema il prima possibile. Naturalmente, in caso di dolori forti e "insoliti", di arrossamenti e gonfiori in un'area trattata o di febbre dopo un trattamento, si prega di chiamare lo studio e di informarci. Le infezioni sono estremamente rare in seguito a questo trattamento, ma sono una possibilità e prima vengono identificate e trattate, meglio è. Se è stata trattata la gabbia toracica o il torace e si notano problemi di respirazione, chiamare immediatamente lo studio e recarsi al pronto soccorso più vicino. Se è stata trattata l'area spinale e si nota una nuova e forte cefalea, che peggiora in posizione eretta ma migliora in posizione supina, chiamare lo studio.

Con quale frequenza vengono somministrati i trattamenti?

La maggior parte delle persone conosce il "ciclo di guarigione" che si osserva dopo un intervento chirurgico importante. La maggior parte delle persone riprende la "piena attività" a partire da un mese dopo un intervento di questo tipo, perché a questo punto la produzione di molecole di collagene, utilizzate per guarire le ferite, è quasi completata. Con questo "ciclo di guarigione", il 15% del collagene viene prodotto nelle prime due settimane, l'85% nelle seconde due settimane successive all'intervento chirurgico o alla ferita. Pertanto, a un mese dal trattamento, posso dire cosa è stato realizzato e cosa deve ancora essere realizzato con il trattamento. Questo è il motivo per cui generalmente si sceglie l'intervallo di un mese. Si possono fare trattamenti più frequenti? Sì, è possibile. Se si attende sette giorni dopo un trattamento, il trattamento successivo produce una reazione "completa" e un secondo "ciclo di guarigione" che si sovrappone a quello iniziale. Se si attende meno di sette giorni dopo un trattamento, le risposte si "mescolano" e la risposta al secondo trattamento è meno completa. Spesso ci sono atleti che si preparano per una stagione o una gara, oppure persone che viaggiano a grande distanza e a costi elevati, che si sottopongono a trattamenti a intervalli di 7 giorni. Non c'è alcun effetto negativo nel ritardare il trattamento di oltre un mese. Ogni trattamento è un evento autonomo e indipendente, che produce un certo rafforzamento delle strutture. Un trattamento non "dipende" in alcun modo da un trattamento precedente, quindi non c'è alcun problema clinico che derivi dal ritardo del trattamento successivo. È solo necessario più tempo per completare il processo.

Cosa succede se non riesco a terminare il trattamento?

Un principio è diventato evidente: se la guarigione non è "completata" e se rimane una struttura non portante (tenera), anche se è "più forte" e il paziente "si sente meglio", cosa pensate che accadrà nel tempo? Continuare a utilizzare questa struttura "vulnerabile" porterà a un nuovo accumulo di danni ai nervi a piccole fibre? Questa struttura vulnerabile sarà più soggetta a ulteriori lesioni? A un certo punto il paziente ci telefonerà dicendo: "Pensavo che aveste detto che questo trattamento avrebbe prodotto "risultati duraturi"...". Probabilmente sì.

Qual è il costo della proloterapia

 

Area trattata (le aree più comuni sono elencate di seguito. Contattateci se avete domande su altre aree). Costo per trattamento
Proloterapia - Schiena bassa 160€
Proloterapia - Dorso medio 160€
Proloterapia - Collo 200€
Proloterapia - Ginocchio, spalla o anca (cad.) 120€
Proloterapia - ATM (cad) 200€
Proloterapia - polso, caviglia o gomito (cad.) 120€
Proloterapia - Pube 160€
Proloterapia - Tuberosità ischiatica (ciascuno) 160€
Proloterapia - Piede o Achille (cad.) 120€
Proloterapia - Pavimento pelvico 200 - 1000€
Proloterapia - Mano (cad) 160€
Proloterapia - Tallone (cad.) 120€
Proloterapia - Alluce o dito (a seconda della quantità trattata) 120 - 500€
Proloterapia - Sternoclavicolare (cad) 120€
Plasma ricco di piastrine (PRP) (aggiunto al costo della proloterapia) 200€

Casi di trattamento con proloterapia

Lesione dell'articolazione sacro-iliaca

Lesione dell'articolazione sacro-iliaca

 Miguel S si è presentato in clinica lamentando un dolore all'articolazione sacroiliaca sinistra che si irradiava al gluteo sinistro e alla zona lombare inferiore sinistra (ha detto che il dolore sembrava coinvolgere il rene sinistro) dopo aver sollevato un sacco di mangime da 25 chili. Ha...

Per saperne di più
Osteoartrite dei pollici

Osteoartrite dei pollici

Le iniezioni di plasma ricco di piastrine o PRP possono offrire un solido sollievo a lungo termine dal dolore e dai sintomi alle persone che soffrono di artrite dell'articolazione del pollice. Ma non tutto il PRP è uguale e pagare troppo per un PRP di qualità inferiore può portare a risultati scadenti. In questo...

Per saperne di più
Paulo C. - Istruttore di guida

Paulo C. - Istruttore di guida

Paulo C. ha 49 anni ed è stato istruttore di guida negli ultimi 25 anni. Paulo si è presentato in clinica lamentando un dolore al collo, tra le scapole e nella parte bassa della schiena che si irradiava al gluteo sinistro e alla parte superiore della gamba sinistra. Ha...

Per saperne di più